Erotico
9 ago 2021


L’afa torrida del pomeriggio lasciava spazio ad una fresca brezza serale; uno dei momenti migliori, a giornata ormai conclusa, per fare attività fisica.Sul lungomare stavano uscendo gli ultimi bagnanti, luce limpida ed un chiarore arancio alto nel cielo.

Il pensiero andò subito ad una sconosciuta incontrata pochi giorni fa, fare jogging.Mora, mediterranea dal sorriso brillante.Si poteva intuire di una bellezza rara, prorompente come il suo sorriso.Cominciai a pensare se fosse qua per fare dei giorni di vacanza dopo i mesi duri del primo lockdown.Si capiva fosse consapevole di sé, della sua carica erotica e non la nascondeva.Sudata ed in una tenuta che lasciava immaginare ogni curva, sembrava divertiva dagli occhi sorpresi di chi la scopriva.Sentii di stare cominciandomi ad eccitare e ritornai al mio allenamento.Le ultime luci del tramonto si spensero e si accesero i lampioni.Mi ritrovavo solo ed accaldato dove poco prima stava un crogiolo di vita e di persone, con i loro desideri ed attese.Le case si animavano, ora di cena.

Di rientro, fermo, di fronte al semaforo mi si affianca una sagoma.Riconosco lei, proprio quella ragazza che poco prima il solo pensiero mi stava procurando eccitazione.Aveva un sorriso, un’espressione brillante e genuina.Sudata e prorompente come la ricordavo, sotto quella luce era ancora più irresistibile.Pensai che non potevo non rubarle un sorriso.Lì a poca distanza da me, energicamente cercava di non raffreddarsi, correva da ferma con decisione ascoltando musica con vistose cuffie rosa.

“Che musica ascolti per muoverti così ?” - Le rivolsi la parola, con un sorriso ironico.

Lei divertita, come se avesse intuito non potessi riuscire a frenarmi dal conoscerla, rispose subito ‘commerciale ed aggiunse, non so se con piglio di malizia, che lo aveva scelto perché la aiutava a tenere un bel ritmo nel muoversi, durante l'allenamento.Rimasi sorpreso da quel rispondere compiaciuto, divertito ed aperto all’ironia.Si Chiamava Arianna, istruttice con un passato di sportiva agonista.Si trovava in zona per la stagione.Da qualche anno aveva questo lavoro estivo che faceva combaciare con una vita da vacanza, nel tempo libero che aveva.Mi confidò di essere divertita e compiaciuta del fatto che l’avessi fermata ed accompagnata per conoscerla.La sua bellezza la aveva messa a duro confronto con l’uso superficiale e pressappochista dei social.Le aveva fatto molto piacere essere fermata e conosciuta senza schermi dietro cui nascondersi.Ci scambiammo altri convenevoli ed una battuta sul fatto di essersi appena conosciuti e già ritrovarsi sudati.