Erotico
30 nov 2020


Sono sempre stato un amante delle belle donne. Sono comunque sempre rimasto nei cardini canonici ma con la terza moglie ho superato un confine che credevo invalicabile. Come per tante coppie si fantasticava di un rapporto a tre senza però mai concretizzarlo se non fantasticando durante l'amplesso con l'ausilio di un dildo la presenza di un altro nel letto con noi. Probabilmente la mia origine del sud mi "vietava" di concretizzare questo sogno ma una sera , in vacanza a Rimini, dopo aver sbava chiaro forse oltre il dovuto, nel rientrare in albgo e probabilmente a causa di un tragitto curioso che ogni tanto i navigatori delle auto si inventano, ci imbattemmo in una strada buia vicino ad un grande centro commerciale chiaramente chiuso essendo le due di notte, dove facevano bella mostra di se decine di trans che n qualche caso mettevano addirittura in mostra la "mercanzia" . Dopo aver riso di gusto con mia moglie la vidi indicarne due in particolare che erano in un piazzale adiacente alla strada. Lei mi chiese con un particolare lampo negli occhi "perché non chiediamo, sono più donne che uomini" la assecondai e illuminando le due con le luci dell'auto mi accorsi che si trattava di due ragazze veramente belle, ambedue avvolte in un tubino di colore nero e con meravigliosi tacchi a spillo ai piedi, orecchini molto appariscenti e dentatura bianchissima che spiccava sul loro sorriso color ebano . Abbassai il finestrino lato passeggero e dalla voce e dal l'accento capii che si trattava di due brasiliane, giovani e simpatiche che ci chiesero subito se volevamo divertirci un po'.... Piuttosto imbarazzato risposi che per noi era la prima volta e crociati lo sguardo di mia moglie che in qualche modo mi dava licenza di continuare. Ci chiesero un prezzo tutto sommato inferiore alle mia aspettative e dissero che disponevano di un appartamento nelle vicinanze e che adoravano avere il ruolo di nave scuola per coppie alla prima esperienza. Guardai dubbioso mia moglie che mi rispose con un " le lasciamo salire? Sembra eccitante".

Salirono in auto e il cuore cominciò a battermi forte confuso tra il desiderio ed il dubbio di quale sarebbe stata la mia reazione una volta nudi. Durante il tragitto le due riuscirono ad abbassare la tensione con la simpatia tipica del dottore quando eve farti la prima puntura e dopo un paio di chilometri mi chiesero di accostare. Per fortuna si trattava di una serie di casette disposte orizzontalmente ma separate da un portico per cui l'entrata in casa risulto' discreto e veloce. Una volta dentro ci fecero accomodare su un bel divano di colore giallo e loro si sedettero su un identico sofà disposto in maniera speculare rispetto al nostro.

Avevo il battito a tremila ma l'offerta di uno scotch che accettai volentieri servi a calmarci entrambi e da lì in poi fu un susseguirsi di incredibili emozioni... I dettagli a domani. Buonanotte