Narrativa
16 gen 2021


Tutti pensano che le dimensioni, l'aspetto e la capacità di sedurre siano gli elementi primari di un rapporto di coppia sia esso singolo o promiscuo per poterne godere appieno. Io invece sono sicuro che non esiste donna capace di resistere ad un appassionato narratore, magari durante il rapporto, capace di trasportare oniricamente la partner in una dimensione di sogno che attraverso il racconto può portare a raggiungere orgasmi memorabili anche non essendo in possesso delle qualità elencate poc'anzi. A tal proposito vi racconto delle mire che avevo verso una signora di alta borghesia che era cliente fissa assieme al marito del mio ristorante. Tutte le volte che la servivo notavo dettagli di una classe sublime, il pizzo del reggiseno che fuoriusciva falle sue camicette aderenti, il segno del perizoma che si intuiva sotto le minigonne fascianti che indossava, le High hills che era solita indossare anche con dei jeans, il trucco mai volgare e sempre adatto al look e soprattutto le sue gambe lunghe e affusolate che in estate, complice l'abbronzatura ed i vestiti succinti, erano i protagonisti di tutti i miei sogni erotici che sfociavano in sfrenate masturbazioni al solo pensiero. Quindi, un comune mortale come me non avrebbe avuto nessuna possibilità di fare colpo su una gnocca del genere se non fosse stato per quella serata in cui, in terrazza, un chitarrista napoletano tanto brutto quanto bravo, era riuscito a creare l'atmosfera giusta per trattenere i commensali che naturalmente bevvero qualcosina in più del dovuto. La "tenuta" al l'alcol del marito si dimostrò da subito abbastanza debole tant'è che quando ordinava un'altra bottiglia di Roero Arneis aveva la voce che cominciava a biascicare ed un aspetto a dir poco sonnolento.... Quando non ne pote' più chiese il conto è mi offri gentilmente di accompagnarli a casa che distava meno di cinque chilometri dal locale. Il viaggio fu un' Odissea tra stop and go per vomitare e frasi senza senso fino all'uscio dell'elegante casa singola con un bel giardino. Fui costretto a caricarlo a spalle e portarlo fino in camera da letto tra l'imbarazzo della moglie e la fatica di trasportare un quasi peso morto sbronzo. Li lasciai in camera e attesi che la moglie lo mettesse a letto in qualche modo attendendo su un comodo sofà in alcantara di colore beige che aveva il profumo di lei all'altezza superiore del cuscino. Dopo qualche tempo riapparse lei in cima alle scale ed imbarazzatissima mi chiese se mi dovesse qualcosa per il disturbo. Vederla lì davanti a me e sapendo che anche lei aveva bevuto mi diede il coraggio di dire la verità, di quanto la ammirassi e desirassi scusandomi per l'ardore ma non potendone fare a meno. Fu a quel punto che lei pronuncio la frase " perché? Che cosa mi faresti" . Fu allora che gli ripeterti tutte le situazioni che mi ero immaginato con lei tutte le volte che mi masturbavo ed il racconto la eccito' a tal punto da cominciare ad abbassare le difese trovandomi pronto con un bacio tanto passionale da mozzarle il fiato. Subito la mano di lei corse sulla mia patta rigonfia ed il sorrisetto soddisfatto era chiaramente un plauso alle dimensioni e cominciai a raccontarle tali situazioni scabrose da sentire la sua figa bagnarsi come non avevo mai visto. La penetro con forza ricevendo sproni a continuare e quando la mia cappella si orienta verso l'orifizio anale lei allarga le sue meravigliose chiappe facilitandomi il compiti. Arrivo diverse volte sul punto di sborrare ma le chiedo ogni volta di fermarsi per evitare di interromper quel sogno ad occhi aperti. Dopo circa quarantacinque minuti non riesco a trattenermi appena sento che lei sta raggiungendo l'ennesimo orgasmo e gli dico che sto per venire quando lei, con uno scatto felino, estrae il mio cazzo della sua figa e si porta sotto di me in ginocchio gustando il fiotto caldo di sperma in un modo che non avevo mai visto, sfregando il mio cazzo freneticamente su tutta la faccia e sorridendomi mi dice" mai scopato meglio ma adesso vai via sennò perdi due clienti" la baciò assaggiando a mia volta l'agrodolce del mio sperma e rivestendomi in fretta esco.

Dopo due settimane li ho rivisti, come se nulla fosse ho continuato a fare il mio lavoro ma non nascondo che il solo vederla mi procura erezioni marmoree.... Fazit. A volte una buona parlantina sopperisce alle mancanze fisiche perché le donne sono di gran lunga più cerebrali di noi uomini. Touche'


Commenti