TV
31 lug 2019


Arrivo in hotel verso sera durante uno dei miei soliti viaggi di lavoro, ho fame e dopo aver posato la valigia in camera scendo al ristorante dell'hotel.

Ci sono solo tre tavoli occupati ed una cameriera che serve. Mi porge il menù dicendomi "cosa ti porto?" lei è sulla trentina, ha i capelli e labbra rosse, viso simpatico ed uno sguardo intrigante. Indossa una camicetta bianca sbottonata da cui straborda un seno sodo e provocante, ed una gonna nera con lo spacco laterale, senza calze.

Ordino salciccia e verdure e rendo il menù; lei per prenderlo si china e mi sfiora la spalla con il suo seno. Mah!!!

Dopo qualche minuto arriva con la salciccia grigliata e due patatine intere, sorride maliziosa ride e mi dice " Ecco la tua salciccia da magiare " e mentre posa il piatto sul tavolo mi sfiora il braccio con il suo ginocchio. in effetti il piatto è composto come se la salciccia fosse un cazzo e le patate le due palle; questa cameriera mi eccita ed ha qualche cosa che me lo fa tirare, penso ... questa deve essere una porca golosa..

Finita la cena mi alzo e vado in camera per farmi la doccia, lei mi saluta dicendo... Buonasera signore, .. a presto.

Circa mezz'ora dopo mentre esco dalla doccia mi bussano alla porta ed una voce mi dice "Ciao hai lasciato il telefono sul tavolo al ristorante!!

Apro.. era Lei, la camicetta era quasi completamente aperta con le tette ben in vista, io ero praticamente nudo con il solo asciugamano in vita; mi dice "Ciao hai gustato la salsiccia prima ??" ed entra nella stanza. Io faccio due passi indietro per farla entrare e quasi mi cade l'asciugamano dalla vita, lei lo nota e mi dice "Non ti preoccupare se ti cade l'asciugamano, mi piacciono le salsicce :) " e nel mentre si apre l'ultimo bottone della camicetta.

Non resisto più, sotto l'asciugamano ho il cazzo duro da far paura, lei davanti a me con le tette all'aria, allunga una mano e mi sfiora il cazzo, poi toglie l'asciugamano, si inginocchia davanti a me e si avvicina. mi solletica il cazzo con la punta della lingua mentre mi accarezza le palle con la mano, poi mi poggia le sue labbra sulla cappella e comincia a sbaciucchiarlo.

Io sto per scoppiare, ed era tutta la sera che lei mi eccitava; pi apre la bocca ed ingoia tutto il mio cazzo, sento la sua lingua che si infila nella mia cappella e che lecca la base del cazzo e le palle. Mi apre le gambe ( io sono sempre in piedi) e mentre mi succhia comincia a massaggiarmi il buco del culo con la mano, poi sento le sue dita entrarmi nel culo, non resisto più e sborro. Dopo esserle venuto in bocca lei si stacca dal mio cazzo, ma non ingoia , si alza e mi slingua con la bocca piena della mia sborra. Strano sapore salato, è la prima volta che sento il gusto della sborra in bocca.

A questo punto ci sdraiamo sul letto, io completamente nudo, lei si toglie la camicetta e rimane solo con la gonna.

Le chiedo di girarsi di schiena e le sbottono la gonna, ha un culo fantastico duro come il marmo e rotondo come una pesca, la lecco un pochino da sopra le mutandine inumidendole il buchetto posteriore, la mia lingua si infila facilmente nel suo culetto che si apre bagnato dalla mia saliva

Mentre il mio cazzo sta di nuovo diventando duro, le sfilo le mutandine e la giro per leccarle la figa che penso sarà già aperta e bagnata . Lei si gira e mi dice sorridendo, " buono il tuo cazzo ed il tuo culo, ma ora mi piacerebbe che tu assaggiassi la mia "salciccia"!!!

In realtà lo sospettavo fin dal ristorante, non avevo mai incontrato una ragazza così maiala come lei!! Lei era sdraiata sul letto ed io accovacciato al suo fianco, Il suo cazzo non era tanto grosso ma bello duro, la pelle profumata e vellutata e la cappella turgida. Cominciai lentamente ad accarezzarle la "salsiccia" mentre lei aveva ripreso il mio cazzo in mano, poi le toccai il buchetto posteriore che era ancora umido dalla mia leccata di prima, ci infilai facilmente due dita, lei mi avvicinò la testa al suo cazzo e mi chiese di mangiare la sua salciccia muovendosi in modo da fare entrare tutte le dita nel suo culo già dilatato.

Cominciai la leccarle la salciccia mentre le infilavo praticamente tutta la mano in culo, poi mi spinse giù la testa forzandomi a prendere in bocca tutto il suo cazzo. dopo qualche minuto che succhiavo mi borrò in bocca e mi disse, "Adesso baciami" , e ...ci scambiammo di nuovo la sborra con le nostre lingue nella bocca l'uno dell'altra.

Oggi è passato un po di tempo, ma ricordo bene i baci alla sborra di quella sera, la "salciccia" di Daisy e Non vedo l'ora di tornare i quel ristorante a trovarla. Oppure di ripetere il gioco con un'altra bocca.


Commento